Dilagano gli episodi di vandalismo a danno delle automobili in sosta in zone diverse di Ferentino.  L'ennesimo veicolo parcheggiato lungo la centrale via Bartoli è stato bersagliato da ignoti che hanno mandato in frantumi il vetro posteriore. In quest'ultimo caso che si è verificato durante una delle serate recenti della manifestazione "Ferentino è" (non sono pervenute, per ora, altre segnalazioni di azioni delinquenziali durante la notte bianca, che ha fatto registrare migliaia di presenze su strade e piazze del centro), ha riportato danni una Mercedes che era stata sostata da una giovane donna.

Al ritorno nell'auto la brutta sorpresa. Purtroppo, casi simili si moltiplicano e non è facile rimediare. I cittadini, non solo quelli colpiti, ma anche il resto, si dicono indignati. In tanti continuano a sollecitare la videosorveglianza e si chiedono il perché di tanto accanimento. Qualche giorno fa erano stati sfondati i vetri di altri veicoli in sosta nei quartieri Pontegrande, Madonna degli Angeli, Campo sportivo, prima ancora in via Antico Tempio ed ancora a Pontegrande, Collepero, Circonvallazione, Scalo, negli abitacoli non sarebbe stato sottratto niente.

Quindi, su queste iniziative sciocche e devastanti si fanno ipotesi diverse, non ultima quella di alcuni giovani probabilmente annoiati e in cerca di brividi o in preda all'alcol. Tutti si augurano che non sia così e che non c'entrino né l'uso di droga né il binge drinking. Quest'ultimo è una modalità di assunzione di alcolici che si è diffusa in Italia nell'ultimo decennio, anche tra i giovanissimi, e può avere effetti devastanti sulla salute. Consisterebbe nell'assunzione di più unità alcoliche in breve tempo o tutto d'un sorso, per avvertire gli effetti psicotropi dello "sballo".