Nei prossimi mesi la città avrà nuovamente l'isola ecologica. Era una delle promesse dell'amministrazione di Enzo Salera. E ora sta per diventare realtà. Da oltre un anno e mezzo, quando cioè è stato sequestrato il sito in via Pescarola, la città è priva del servizio. Nei giorni scorsi c'è stato un primo sopralluogo e sono partiti i lavori per la costruzione della nuova isola: sorgerà, a breve, in via Ponte La Pietra come aveva già annunciato l'assessore al ramo Emiliano Venturi.

L'amministrazione è attiva anche per quel che riguarda i lavori pubblici: nei giorni scorsi è stato nominato il dottor Mario Lastoria come responsabile del procedimento e il geometra Mario Fallone come direttore operativo. L'importo dei lavori è di 300.000 euro e prevede la messa in sicurezza di via Madonna di Loreto fino alla rotatoria: si tratta di uno dei progetti ereditati dalla giunta D'Alessandro che aveva ottenuto dei finanziamenti ministeriali poco prima della sfiducia.

Ieri, intanto, si è riunita la giunta. Tra i provvedimenti adottati c'è stato l'ok alla proposta della consigliera Gabriella Vacca, ovvero la piantumazione di un albero per ogni nuovo nato. Neanche il tempo di dare il timbro all'ufficialità alla proposta, che dall'opposizione è subito intervenuto Franco Evangelista a mostrare pollice verso.

Il capogruppo della Lega argomenta: «Non molti lo sanno ma piantare alberi per tutti i nuovi nati in Italia è già obbligatorio. Si tratta di un'iniziativa più che mai importante per cui esiste un'apposita normativa ma questa è purtroppo poco applicata. Già negli anni passati qualcuno ne ha usufruito, io stesso ho aiutato a piantare alcuni alberi, anche nel parco Baden Powell.

Nei giorni scorsi la consigliera Vacca aveva avanzato questa proposta, in realtà è un'opzione già possibile e a disposizione dei cittadini. Secondo la legge, in pratica, ogni comune deve provvedere alla piantumazione di un albero per ogni neonato entro 6 mesi dalla registrazione anagrafica»