Spesso i rapporti di vicinato, per antipatia o per questioni di proprietà, portano a tensioni che in qualche caso conducono a reazioni violente e rotture di rapporti datati. Soltanto qualche tempo fa nella zona di Laguccio un residente, approfittando dell'assenza del suo vicino, era entrato nella sua proprietà per tagliare una decina di piante secolari. Con tutte le conseguenze del caso. Ora invece la storia che giunge dalla zona periferica alatrense, tra Tecchiena e Frosinone, racconta forse di un amore non corrisposto che si è trasformato in una ossessione e violenza e minacce. Non si potrebbe descrivere diversamente quanto denunciato ai carabinieri da una trentaquattrenne.

Da anni era nel mirino delle attenzioni del suo vicino, attenzioni che con il passare del tempo sono diventate pressioni e anche minacce. E così stanca si è rivolta ai carabinieri della Compagnia di Alatri diretta dal maggiore Argirò. Presentata la denuncia gli uomini della Stazione, agli ordini del maresciallo Di Iorio, si sono messi subito al lavoro. Tanto che nel giro di poco tempo hanno ottenuto dei riscontri che hanno determinato nei confronti del 51enne la notifica di un provvedimento cautelare, che consiste nel divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla donna. Questo è stato emesso dal Gip del Tribunale di Frosinone.

Ovviamente la decisione del giudice è nata a seguito delle indagini dopo la querela presentata dalla donna lo scorso mese di agosto. Gli accertamenti hanno consentito di appurare che l'uomo, addirittura dal mese di novembre del 2016, nei confronti della donna, sua vicina di casa, si era reso responsabile più volte di minacce verbali, molestie e pedinamenti.
Ora però dovrà stare attento. Infatti il provvedimento restrittivo non consentirà all'uomo di avvicinarsi all'abitazione della donna, dovrà infatti tenersi a distanza di tre metri dal confine con la stessa casa. E poi dovrà tenere una distanza minima di cinquecento metri quando esce dall'abitazione, nonché il divieto di comunicare con la donna in qualsiasi modo.