Una serata per ricordarlo, per ascoltare buona musica e brindare alla memoria di uno dei ragazzi che più hanno vissuto la piazza negli ultimi anni.

Lorenzo Saggese è morto a trent'anni nella primavera del 2018, ha perso la vita a causa di un incidente in una strada del centro, aveva da poco salutato i suoi amici in piazza Labriola, poi il buio.

Per settimane la città è rimasta in "silenzio" sconvolta dalla prematura scomparsa del "Saggio", quel ragazzo dal sorriso contagioso, che durante la settimana girava in giacca e cravatta tra un immobile e l'altro, sempre al lavoro nella sua agenzia, il progetto della sua vita.

Lorenzo viveva la piazza, lo conoscevano tutti, la sera dell'incidente a decine si presentarono al Pronto soccorso dell'ospedale Santa Scolastica in attesa di avere notizie sulle sue condizioni. Lorenzo non ce l'ha fatta, il suo sorriso, però, è ancora vivo.
I suoi amici si sono messi subito in moto, anche con il supporto dei genitori di Lorenzo, e hanno dato vita a un'associazione che porta il suo nome.

Sport, musica, iniziative aggregative. Questa sera una grande festa in piazza Labriola per ricordare il Saggio e presentare la squadra di calcio che porta il suo nome e che è pronta a conquistare tanti campi, col sorriso, così come avrebbe fatto Lorenzo