Sicurezza nei luoghi di lavoro, i carabinieri dell'Ispettorato di Frosinone, impegnati nel contrastare con forza il lavoro nero e nel verificare il rispetto della normativa vigente, hanno denunciato tre persone - il committente dei lavori e due responsabili delle ditte esecutrici - ed elevato multe salate per 2.800 euro (1.800 per un solo dipendente senza assunzione).

L'ispezione è scattata in un cantiere edile di Coreno: qui i carabinieri dell'Ispettorato hanno contestato «una serie di illeciti di natura amministrativa e soprattutto penale». In particolare, hanno spiegato i militari, il committente del cantiere monitorato è stato denunciato in procura «per non aver verificato l'idoneità tecnico-professionale della ditta affidataria e per non aver designato il coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dei lavori, ai sensi del testo unico per la sicurezza sul lavoro».

Denunciato anche il responsabile della srl affidataria ed esecutrice di parte dei lavori per non aver redatto il cosiddetto Pos (piano operativo di sicurezza) e per non aver verificato l'idoneità tecnico-professionale delle ditta cui aveva subappaltato parte dei lavori ma anche per non aver recintato l'area di cantiere; nonché il legale rappresentante della ditta subappaltatrice.