Anno scolastico nuovo e problemi vecchi, purtroppo. I lavoratori della "Ago Uno srl", che a Fiuggi gestisce il servizio di trasporto urbano e scuolabus, aderenti alla Faisal Cisal, hanno annunciato l'astensione dal lavoro per il 20 settembre.

Questa volta però sono andati oltre ed hanno rimesso anche un circostanziato esposto all'ispettorato del lavoro di Frosinone. Lamentano in primis il ritardo dei pagamenti relativi a quattro mensilità arretrate oltre la quattordicesima ed anche, dal loro punto di vista, tutta un'altra serie d'inadempienze aziendali. Alla fine come sempre a subirne le conseguenze saranno i cittadini, nelle more di un contratto di appalto che comunque scadrà il prossimo mese di ottobre.

Il sindaco di Fiuggi, Alioska Baccarini, nei giorni scorsi si è schierato con decisione al fianco dei lavoratori, contestando ad "Ago Uno" tutta una serie d'inadempienze. Ieri a fargli ego ed ulteriore chiarezza è intervenuta l'assessore al bilancio Rachele Ludovici: «La situazione generata dalla "Soc. Ago Uno" è diventata intollerabile -tuona la responsabile dei conti comunali- è irrispettosa nei confronti dei lavoratori, che hanno sempre mostrato senso di responsabilità, lavorando e garantendo il servizio, nonostante il datore di lavoro non paga a loro gli stipendi arretrati da diversi mesi. Nei giorni scorsi -prosegue Rachele Ludovici- ho incontrato le organizzazioni sindacali con lo scopo di individuare delle soluzioni. A latere la "Ago Uno srl" continua a ricevere da parte nostra il pagamento di acconti sul maggior dovuto ogni due/tre mesi. Questo però non produce il regolare pagamento degli stipendi».

Dal canto suo la "Ago Uno" lamenta, come del resto conferma l'assessore al bilancio,il mancato pagamento di diverse fatture nonostante gli acconti. A restare a piedi invece saranno studenti e turisti, salvo revoche dello sciopero.