Un comitato nato poche settimane fa ma che ha saputo rilanciare un quartiere che ormai sembrava essere morto. Un tempo la zona di piazza Restagno era una delle più frequentate della città martire, famiglie, ragazzi, anziani, si ritrovavano nelle vaste aree verdi, soprattutto d'estate, ma non solo, per chiacchierare, giocare e trascorrere le serate.

C'erano le fontanelle, ampi spazi in cui i ragazzi potevano sbizzarrirsi correndo sotto gli occhi vigili degli adulti. Poi con il tempo la zona si è completamente spopolata, l'abitudine di scendere dopo cena per fare due chiacchiere è svanita. Il buio e il silenzio hanno avvolto il quartiere. Dall'esigenza dei residenti è nata spontanea la voglia di ridare vita a questa zona, per renderla un luogo in cui voler trascorrere del tempo in compagnia, un posto aperto a tutti i cassinati ma che offra a chi ci vive un'alternativa.

Un comitato di volontari che si sono trovati su alcuni aspetti fondamentali di condivisione e di aggregazione e che hanno deciso di investire il proprio tempo e le proprie energie per cercare di cambiare lo stato delle cose. Dopo la Cocomerata di qualche settimana fa, sabato è andata in scena la Corrida che ha visto decine di "artisti" salire sul palco in via Tichy. Sonodiverse le zone scelte per gli eventi, non sempre le stesse, per coinvolgere davvero tutti.
Una serata all'insegna delle risate, del divertimento e dell'autoironia, dove grandi e piccini hanno dato il meglio per convincere la giuria della validità delle proprie performance.

Barzellette, musica, balli e canti. L'obiettivo non era quello di vincere, ma di partecipare e di divertirsi tutti insieme. La grande partecipazione agli eventi organizzati dal comitato dimostra che la gente ha voglia di tornare a vivere la propria città, soprattutto ripartendo dai quartieri, quelli prettamente residenziali, dove non ci sono attività commerciali, bar e locali che restano aperti la sera e che ben si prestano, grazie agli ampi spazi, ad accogliere molte persone e zone per allestire palchi e tavolate.

Il comitato è piuttosto giovane, ma ha tanti obiettivi in programma, sicuramente l'inverno non frenerà l'entusiasmo di questa squadra che ha tanta voglia di fare e che non si ferma neanche davanti alle lungaggini della burocrazia