Si ferisce a due dita di una mano con la motosega mentre taglia un albero. Momenti di grande concitazione e di paura ieri mattina, intorno alle 10, nelle campagne di Arpino, in località Santa Lucia. Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, il trentacinquenne arpinate D. M. era impegnato nel taglio un albero quando è avvenuto l'incidente che purtroppo l'ha visto protagonista. Sul posto si è precipitata la macchina dei soccorsi.

Gli operatori del 118 hanno ritenuto necessario chiamare un elicottero per trasferire il ferito in una struttura ospedaliera idonea per procedere con le cure del caso. Il giovane, che ha riportato l'amputazione parziale del secondo e quarto dito della mano sinistra, è stato stabilizzato e trasferito sull'eliambulanza che è atterrata nella zona di Santa Lucia, poco lontano dal luogo dell'incidente. Il ferito è rimasto sempre vigile e cosciente durante i soccorsi. L'elicottero dell'Ares ha poi preso il volo alla volta della capitale.

Grande l'apprensione per quanto accaduto fra i residenti della zona che hanno assistito all'arrivo dei soccorritori e alle manovre dell'elicottero. Inizialmente, dai primi racconti dei presenti, lo stato di salute del trentacinquenne sembrava fosse più grave, specie quando si è sentito parlare di un taglio alla mano con un attrezzo potente quanto pericoloso come la motosega. Poi, una volta che le notizie sulle reali condizioni del giovane arpinate si sono diffuse anche attraverso riscontri con i conoscenti del ferito, in molti hanno potuto tirare un sospiro di sollievo.

«Rivolgiamo un caro saluto al nostro amico, che di carattere è piuttosto taciturno, e gli auguriamo una pronta guarigione», hanno detto alcuni ragazzi del posto che hanno voluto esprimere parole di vicinanza al trentacinquenne.