Qualcosa si muove per il ponte d'accesso all'area archeologica di "Comunacque" crollato ormai un anno e mezzo fa. «Finalmente – dice il sindaco di Trevi Silvio Grazioli – è arrivato il nulla osta della sovrintendenza di Frosinone».

«Adesso però – prosegue il primo cittadino – deve arrivare il parere favorevole della Provincia di Roma che aveva chiesto un'indagine sulle sponde del fiume Simbrivio». È bene chiarire che il nulla osta (già si è svolta una conferenza di servizi, ndr) riguarda la realizzazione di un ponte provvisorio e dovrà seguire, quindi, un progetto per la costruzione del ponte definitivo.
Tutto questo, effettivamente, lascia molte perplessità sulla definitiva e, si spera, duratura struttura tale da consentire un accesso sicuro. Una cosa è certa: un sito archeologico importante come quello di "Comunacque" con annessa la "Cascata di Trevi" avrebbe meritato ben altra attenzione da parte di tutti.