Fiamme altissime divampano sabato sera all'interno della cartiera di Aquino. Ad andare a fuoco un cassone all'esterno del locale officine, posizionato sotto una tettoia. Il fumo denso e nero è stato il primo campanello d'allarme che ha scosso la comunità. Poi fiamme feroci, a divorare il materiale contenuto nel cassone materiale prevalentemente cartaceo facilmente infiammabile. Per fortuna al momento dell'innesco del rogo l'attività era chiusa: il fuoco, che comunque ha interessato un'area esterna, è stato domato con prontezza dai vigili del fuoco del distaccamento di Cassino che hanno spento le fiamme e messo in sicurezza l'area.

Sul posto nell'immediatezza anche i carabinieri della stazione di Aquino, coordinati dal maresciallo Parrillo, della Compagnia di Pontecorvo agli ordini del capitano Nicolai. Gli accertamenti sulle cause del rogo, escluderebbero al momento un'ipotesi dolosa. Ma le verifiche sono in atto. L'attività non ha subito stop. Danneggiati secondo le prime informazioni trapelate dalle fiamme, ma non distrutti, il cassone, la tettoia e due mezzi posteggiato: una ruspa e un muletto.