Sono di nuovo dovute intervenire le forze dell'ordine su via Vittorio Emanuele III per un diverbio tra un italiano e due stranieri, avventori di un negozio che vende diversi articoli culinari in pieno centro. I fatti sono accaduti, alle spalle di corso Volsci, martedì sera. Ad innescare la lite, delle affermazioni dell'uomo, irato perché asseriva di aver visto vendere a un minorenne, in un locale tipo alimentari, dell'alcol.

La polizia, giunta sul posto per calmare gli animi, sta indagando sul fatto, dopo aver preso le testimonianze a seguito dell'episodio. I poliziotti, proprio nel pomeriggio di martedì, si sono portati nella zona centrale di Sora per effettuare dei controlli in delle attività chiedendo licenze e le documentazioni del caso. Diverse sono le segnalazioni che arrivano, specie dai genitori di giovanissimi che, negli ultimi mesi, si stanno facendo sempre più insistenti. Il problema sollevato dalle famiglie è legato anche alla vendita incontrollata di alcolici e superalcolici a minori.

«C'è un'ordinanza che vieta ai bar di somministrare, in vetro, le bevande -dice una mamma- Addirittura a Sora, alle spalle di Santa Restituta, i giovanissimi abbandonano bottiglie di birra e addirittura di vodka, che acquistano certamente in qualche attività vicino alla zona centrale. Sono soddisfatta della prontezza della polizia che all'indomani della lite avvenuta, forse per cause di droga è stato detto, tra un ragazzo di Sora e un africano, il giorno dopo hanno battuto la zona e controllato i negozi», ha concluso la donna che ringrazia le forze dell'ordine per l'intervento a sicurezza dei cittadini.