La febbre del sabato sera, proteste per la confusione e richiesta di specifica ordinanza. I residenti di Viale Regina Margherita, in questo caso delle palazzine che insistono sul Marciapiedi, si sono rivolti ai carabinieri dopo l'ennesimo episodio di violenza che oltre ad infastidire mette in pericolo la serena quotidianità. Verso le tre del mattino di domenica scorsa, è scoppiata una furibonda lite all'esterno di uno dei locali attivi nel luogo per eccellenza della movida della città dei papi. Botte da orbi tra giovani del luogo ed altri venuti da fuori, identificati dagli uomini dell'arma che starebbero prendendo severi provvedimenti.

Un residente manifesta rabbia per quanto sta accadendo "tra parcheggio selvaggio, rumori, confusione e liti, la zona sta divenendo invivibile; e manca una regolarizzazione da parte del comune". Gli stessi inquirenti, intervenuti per sedare e ristabilire l'ordine e la calma, avrebbero evidenziato l'assenza di una specifica ordinanza sindacale tesa a regolamentare gli orari. Un'esigenza che a Palazzo d'Iseo farebbero bene a prendere in considerazione; e senza ulteriore indugio. Visto soprattutto l'enorme afflusso che si prevede in questa seconda metà ferragostana.