La città cambia volto. Sono terminati i lavori di rifacimento del manto stradale che hanno interessato l'asse stradale di viale Regina Elena-via Principe Umberto. Un importante snodo che dopo i lavori eseguiti dall'Astral appare nella sua nuova veste che tanto piace ai cittadini che non hanno tardato a commentare positivamente l'operazione sui social.

Un intervento atteso da tempo dai residenti della zona e da tutti i sorani che, oltre a un asfalto nuovo e più funzionale su una via centrale solcata da un traffico intenso, hanno visto nei giorni scorsi il rifacimento della segnaletica verticale e orizzontale, che conferisce maggiore sicurezza agli attraversamenti stradali resi più visibili e una chiara ripartizione delle zone di parcheggio.
Il consigliere delegato Lino Caschera ha espresso «soddisfazione per il lavoro svolto in sinergia con Astral e consapevolezza che bisogna intervenire su molte altre strade dimenticate da vent'anni. Stiamo cercando di portare avanti il rifacimento degli interi manti stradali e non il solito "tappabuchi" adottato dai nostri predecessori. In tre anni abbiamo abbattuto di quasi il 40% i costi per il risarcimento danni dei sinistri stradali. Andiamo avanti a testa alta per garantire ai cittadini la sicurezza che meritano».

A fargli eco il sindaco Roberto De Donatis: «Dopo una necessaria fase di programmazione e riequilibrio finanziario, abbiamo posto solide basi per gestire le risorse in maniera mirata e ottimale.
Questo intervento segue altre opere di posa di asfalto in tratti viari dimenticati come la zona di San Giuliano e le vie Incoronata, Pantano, Edoardo Facchini e San Giorgio, che erano in situazioni drammatiche. Un altro impegno mantenuto, nella consapevolezza che molto ancora deve essere fatto, ma che questo percorso sarà presto caratterizzato da ulteriori opere che restituiranno a Sora una viabilità più sicura e maggiore decoro urbano».