Non gli versano l'affitto per diversi mesi. Quando chiede il dovuto viene pestato in strada e lasciato con il capo insanguinato. Ricerche aperte per rintracciare i responsabili dell'aggressione avvenuta ieri mattina in via Tichy intorno alle 9. Forse ad agire potrebbero essere stati padre e figlio.

In base a una prima ricostruzione dei fatti, il noto legale di 78 anni avrebbe raggiunto la zona dove, poco dopo - affiancato da un ufficiale giudiziario - avrebbe dovuto incontrare i suoi debitori. Invece le cose sono andate diversamente e quando l'ufficiale giudiziario ha raggiunto l'avvocato, ormai era troppo tardi: il professionista era ancora a terra, con vistose ferite nella parte alta del corpo. Soprattutto alla testa e al volto.

Immediato l'arrivo sul posto dei militari della Compagnia di Cassino, guidata dal capitano Ivan Mastromanno. Gli uomini dell'Arma hanno raccolto le testimonianze dei presenti e si sono assicurati che il legale raggiungesse con celerità l'ospedale Santa Scolastica di Cassino per le cure del caso. Quindi sono partite le ricerche dei due aggressori.

Ovviamente i carabinieri stanno acquisendo tutti gli elementi di prova che sosterrebbero la tesi della vittima: secondo le prime informazioni trapelate, sembrerebbe che l'avvocato fosse andato in via Tychy per prelevare beni del valore di 8.000 euro circa, ovvero l'equivalente di affitti di un locale di sua proprietà mai versati. Poi l'aggressione in strada e l'arrivo, poco dopo, dell'ufficiale giudiziario.

A lanciare l'allarme sarebbero stati alcuni passanti che hanno notato l'uomo a terra, col volto insanguinato e sotto choc. Saranno ora gli accertamenti a chiarire cosa sia accaduto e quali siano le motivazioni reali del pestaggio, al momento legato - sembrerebbe - a un debito non onorato da parte degli aggressori.