Due famiglie distrutte. Due comunità unite da un triste e drammatico destino. La morte di Antonio Pizzutelli, trentottenne di Piglio, e Salvatore Vani, quarantacinquenne di Fontechiari, i due operai travolti e uccisi da un tir mentre stavano installando lunedì sera attorno alle 23 la nuova segnaletica sull'A14 all'altezza di Borgo Panigale (vicino Bologna), ha sconvolto i due paesi del nord Ciociaria e della Valcomino. Lasciando attoniti tutti coloro che li conoscevano e che sono rimasti sconvolti quando hanno saputo dell'incidente. Due famiglie distrutte da una notizia tragica. Lacerante. E tra oggi e domani le due comunità si stringeranno al dolore dei familiari visto che per entrambi sono previsti i funerali.

Il dolore di Piglio
Antonio Pizzutelli, considerando il suo lavoro, era molto conosciuto non solo nel paese ma anche nei centri limitrofi. Antonio trascorreva molto tempo fuori casa e quando tornava andava a trovare la madre e la sorella. Quando nella nottata i familiari sono stati avvisati, non si può descrivere il dramma che hanno vissuto. Poi quando la notizia è iniziata a circolare ieri dalle prime luci dell'alba in tanti si sono recati per manifestare cordoglio.

Ovviamente alcuni familiari si sono recati a Bologna per stare vicino al loro caro. Con la salma di Antonio riconsegnata agli stessi parenti saranno fissati i funerali che dovrebbero svolgersi, si è in attesa dell'ufficialità, nella giornata di domani alle 17 nella chiesa di San Giovanni. Un intero paese è pronto a stringersi al dolore e al dramma di una famiglia devastata da quanto avvenuto. Morire mentre si sta lavorando.

Lutto a Fontechiari
Il paese della Valle di Comino piange un marito, un padre, un figlio, un fratello e un amico di tutti. È rimasta senza parole la piccola comunità della provincia di Frosinone alla notizia della tragica morte di Salvatore Vani che ha lasciato un vuoto incolmabile. «L'improvvisa scomparsa di Salvatore ci ha gettato nella più profonda disperazione. Era nato a Toronto, ma da piccolo si trasferì a Fontechiari avvicinandosi alle attività del paese.

Era una persona stimata, la sua famiglia benvoluta, sempre pronta al volontariato. Ci ha lasciato un ragazzo molto educato, dal cuore d'oro, sempre pronto a organizzare feste in paese, insomma un bravo ragazzo». Questo il ricordo di un amico che ne piange la scomparsa. L'operaio morto tragicamente lunedì sera inoltre era cugino del consigliere di minoranza Salvatore Antonio Vani che durante la giunta di Pietro Muscedere ha ricoperto anche la carica di assessore. In segno di lutto sono state sospese tutte le attività ludiche previste nel programma della Pro loco.

Rimandato l'evento "Fontechiari nel Mondo". Ora la comunità attende di porgere l'ultimo saluto al quarantacinquenne, la salma del quale giungerà presso la chiesa parrocchiale di Fontechiari questa sera alle ore venti circa. Domani alle ore 15 si terranno i funerali. La ditta incaricata di eseguire il servizio funebre è "Tiziana Caira".