Spaccio tra Formia, Gaeta, la Valle dei Santi e Cassino. Eseguite quattro misure cautelari nei confronti di quattro persone - tra i 27 e i 41 anni - accusati dalla procura a vario titolo nella detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, usura ed estorsione.

A operare è stata la Polizia di Stato della Questura di Latina che questa mattina ha eseguito le misure arrivando fino a Cassino: coinvolto anche un noto ristoratore cassinate. Marcello Di Zenzo di 30 anni di Cassino ha ottenuto i domiciliari, così come Alessandro Lucreziano di Gaeta. Arrestati nella medesima indagine anche Andrea D'Onofrio, 27 anni di Fondi, e Edgardo Luigi Di Nitto di 29 anni di Formia.
Le indagini
Come reso noto dalla Questura, le indagini - avviate nel 2018 - sono state originate dal "vuoto" venutosi a creare nelle piazze di spaccio, anche a seguito degli arresti già effettuati dalla Polizia di Stato nelle città della zona dell'omonimo Golfo nel corso dell'operazione "Coast to Coast" in ordine a reati connessi all'assunzione di stupefacenti da parte dei giovani del posto. Il provvedimento giudiziario del Giudice per le Indagini Preliminari presso il tribunale di Cassino, Francesco Armato, richiesto da quella Procura, è stato ottenuto all'esito di una indagine durata oltre un anno e condotta dagli investigatori del Commissariato di Gaeta, alla quale ha collaborato anche il personale di Formia.