Nell'operazione contro la prostituzione minorile portata a termine ieri dai carabinieri di Mondragone sono rimasti implicate tre persone, una di Formia di 50 anni, un 50enne di Gaeta finiti ai domiciliari, e una di Roma di 70 anni, agli arresti.

Le accuse mosse nei loro confronti sono gravi e tra i reati ci sono i più infamanti. L'indagine è partita qualche tempo fa in seguito ad un'inchiesta pubblicata dal quotidiano "Avvenire", un servizio andato in stampa nel 2018. Da lì sono partiti gli accertamenti da parte dei carabinieri della locale tenenza mondragonese che hanno portato a chiudere il cerchio almeno per ora intorno a tre persone.

Secondo l'accusa vittime di questo sporco giorno d'affari erano bambini stranieri che venivano costretti a prostituirsi e comprati non solo per pochi euro, ma anche solo per una birra o una sigaretta, da uomini adulti italiani. Sull'inchiesta c'è strettissimo riserbo e non è dato al momento sapere a quale titolo e quale ruolo svolgessero i tre.

I ragazzini, stando alle poche notizie diffuse, erano figli di migranti, per lo più si trattava di cittadini bulgari o nordafricani, che si vendevano sul lungomare di Mondragone. I bambini nordafricani pare fossero ospiti di centri di accoglienza per minori non accompagnati, sia a Mondragone sia in provincia di Latina.

A quanto pare il sistema era ben organizzato, venivano anche affittate delle camere nelle immediate vicinanze dove avvenivano questi incontri a pagamento.
Un sistema ben rodato che andava avanti da anni. Dall'inchiesta condotta dall'Avvenire si documentava il dramma della prostituzione minorile maschile, dove i figli dei rom bulgari prima venivano sfruttati nei campi, poi venivano costretti a vendere il proprio corpo sul lungomare.

I militari che hanno indagato sono arrivati a individuare alcuni dei presunti responsabili, accusati ora di abusi sessuali con minori. L'inchiesta potrebbe avere dei nuovi ed interessanti risvolti sulle persone che ruotavano intorno a questo infame giro d'affari.