Aggressione nel cuore della notte a Ferentino. Si è sfiorata un'altra tragedia fuori da un locale pubblico in Ciociaria.
Questa volta ha rischiato la vita un trentacinquenne del luogo colpito con violenza alla testa, non è chiaro se a margine di una rissa o se vittima di un agguato; sul grave episodio indagano i carabinieri. Erano circa le 2 della notte tra lunedì e martedì, quando al 112 e al 118 è arrivata la richiesta di soccorso urgente per un uomo colpito in particolare alla testa e sanguinante sull'asfalto.

Teatro della violenza il parcheggio della sala Bingo di Ferentino, laddove la vittima aveva sostato la sua auto. Nel momento in cui si accingeva probabilmente a raggiungere il veicolo, il trentacinquenne sarebbe rimasto coinvolto nell'aggressione da parte di un gruppo di persone, forse suoi concittadini. Sta di fatto che l'uomo è stato centrato da un corpo contundente, forse da una spranga o da un cric, stramazzando al suolo. Coloro che hanno inveito, si tratterebbe di diverse persone, si sono dati alla fuga.

Qualcuno, forse un avventore del locale, ha udito le grida e notato il ferito a terra bisognoso di aiuto, quindi ha immediatamente lanciato l'allarme. Il piazzale lungo la Casilina sud è stato raggiunto poco dopo dalle pattuglie dei carabinieri del Comando stazione di Ferentino e del Norm, nonché da un'ambulanza del 118. L'uomo è stato soccorso dagli operatori dell'Ares e trasportato, in codice rosso, nell'ospedale "Spaziani" di Frosinone. Ha riportato una lesione alla testa con trauma cranico.

I carabinieri guidati dal maresciallo Raffaele Alborino, coordinati dal capitano Camillo Giovanni Meo, hanno fatto scattare all'istante indagini serrate che sarebbero a buon punto ai fini dell'individuazione del gruppo rivale. Gli accertamenti dell'Arma dovranno portare non soltanto all'identificazione degli aggressori, ma anche fare luce sui motivi del pestaggio. Un fatto grave, di quelli che riservano talvolta le notti violente.