Il 90% delle attività commerciali di Cassino per la gran parte si tratta di bar e ristoranti, del centro e non solo non paga la Tosap, ovvero la tassa per l'occupazione del suolo pubblico. Nella sostanza dei fatti, i tavolini che soprattutto durante l'estate si trovano sui marciapiedi davanti ai locali spesso ostacolando anche il passaggio dei pedoni, in particolar modo di mamme con i passeggini non hanno le necessarie autorizzazioni.

La riunione in Comune
Per questo motivo ieri mattina l'assessore al commercio Chiara Delli Colli, insieme con la delegata alla municipale Barbara Alifuoco hanno riunito in Comune tutti i commercianti. Hanno fatto presente che queste situazioni irregolari vanno immediatamente sanate: per chi non si adeguerà scatteranno le sanzioni. Alcuni esercenti non hanno gradito la reprimenda e hanno lamentato eccessive tariffe ma gli amministratori hanno ribadito che «esistono delle leggi e vanno rispettate»: non può vigere l'anarchia ma va invece regolarizzato il settore, anche nel rispetto dei negozi che già oggi sono in regola con il pagamento delle tariffe. Spiega l'assessore al commercio Chiara Delli Colli a margine delle riunione: «Abbiamo dato ai commercianti il tempo di mettersi in regola, non andiamo in giro a fare i blitz, non è nostra intenzione quella di fare cassa con le multe. Semplicemente vogliamo che tutti rispettino le regole. È evidente che se ci dovesse essere chi non si adeguerà, le sanzioni saranno immediate. Con gli agenti della municipale e con l'ausilio delle forze dell'ordine, dalla prossima settimana faremo dei controlli a tappeto mirati.
È un eufemismo dire che alcuni esercenti prendono in giro il Comune se vediamo che ci sono bar in pieno centro che pagano l'occupazione di suolo pubblico dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18 è chiaramente inverosimile. Bisogna rispettare le regole, prima di tutto: poi certamente possiamo lavorare insieme per provare a migliorare le cose».

Non solo repressione
Argomenta sempre l'assessore al commercio: «Noi abbiamo tutta l'intenzione affinché questa città sia "viva", per questo abbiamo garantito il nostro sostegno in tema di autorizzazioni per organizzare delle mini notti bianche. C'è stata, difatti, la proposta di fare le "domeniche d'agosto" con un bar che ad esempio finanzia un artista e gli esercizi commerciali nella zona del bar restano aperti. Noi non abbiamo soldi per finanziare questi eventi ma diamo loro il nostro pieno sostegno, studiando anche un progetto a più ampio raggio per la prossima estate. Ma -ribadisce e conclude l'assessore- bisogna prima di ogni cosa rispettare le regole perché ad oggi tra chi ha il parere negativo dei vigili, e quindi non potrebbe proprio avere i tavoli davanti, chi ha presentato la richiesta e non hanno pagato e chi ha l'autorizzazione scaduta (e non l'ha rinnovata) siamo a 9 esercizi commerciali su10 completamente fuori regola». L'assessore alla municipale Barbara Alifuoco ha ribadito che dalla prossima settimana i controlli saranno incessanti e ha spiegato che bisogna anche intervenire per ripristinare il decoro davanti ai locali: «Non è accettabile vedere i bidoni dell'immondizia strapieni in pieno centro. Noi abbiamo fatto un'opera di pulizia straordinaria in piazza Labriola ma se non sono gli stessi esercenti a mantenere pulito davanti ai loro negozi tra un mese saremo allo stesso punto».

Volantinaggio anti-abusivi
E sempre la Alifuoco annuncia che da sabato verrà fatta un'opera di sensibilizzazione agli ambulanti del mercato per far sì che gli abusivi regolarizzino la propria posizione, altrimenti anche in questo caso dalla prossima settimana scatteranno le sanzioni. Dagli ambulanti che non hanno una regolare licenza, a chi non è in regola con i pagamenti fino ad arrivare a quanti occupano spazio al di fuori dello stallo assegnato, coprendo anche gli esercizi commerciali che quindi vengono danneggiati sono tante le forme di abusivismo che ora l'amministrazione comunale intende debellare.