Al parco Nassiriya i residenti hanno trovato delle siringhe. Non è la prima volta che a due passi dall'asilo nido comunale vengano trovati rifiuti di ogni tipo a testimonianza di notti brave all'interno della zona verde, ma ora ci sono anche le siringhe.

«Sono sconvolta – ha detto una mamma che ha la bambina iscritta alla struttura pubblica – Ma è mai possibile che un residente del quartiere mi abbia dovuto riferire che, mentre puliva, ha trovato una siringa. E se invece della siepe più distante dall'asilo i drogati buttavano la siringa dentro il giardino della scuola e i bambini, giocando nel cortile, si fossero punti? Non voglio neanche immaginarla una cosa del genere. Penso solo che i controlli debbano aumentare e che la salute dei nostri figli vada tutelata».

L'assessore alle politiche sociali, Veronica Di Ruscio, si è dichiarata attenta a tutte le problematiche che ruotano intorno all'asilo Santucci. «Abbiamo fatto tagliare tutte le siepi proprio qualche giorno fa. Non possiamo rispondere noi come amministratori di chi compie gesti non commentabili come questo –conclude il componente della giunta De Donatis – Certo è che i bisogni delle famiglie e dei bambini non vengono mai trascurati. Il nostro impegno è massimo».

Un nuovo appello arriva anche da chi lì ci abita.«Il parco Nassiriya non è stato proprio ben progettato –sbotta un cittadino –Le panchine sono collocate nelle zone d'ombra, gli alberi non riescono a rinfrescare il fazzoletto di verde, la sera i controlli sono nulli e la gente "perbene" preferisce rimanere in casa».