Fatture per operazioni inesistenti, occultamento o distruzione di documenti contabili, uso di fatture per operazioni inesistenti. Sono le accuse per le quali ieri in sei erano accusati davanti al giudice per le udienze preliminari. Si tratta di Franco Minotti, 70 anni, di Frosinone, Giorgio Rea, 40, di Sora, Gianluca Calicchia, 44, di Frosinone, Alessandro Casinelli, 35, di Sora, suo padre Ugo, 65, e Patrizia Ferri, 39, di Sora difesi dagli avvocati Fernando Picchi, Vincenzo Galassi e Nicola Ottaviani.

L'udienza è stata dedicata all'interrogatorio di Ugo Casinelli che, davanti al gup Antonello Bracaglia Morante e al pubblico ministero Vittorio Misiti, ha respinto le accuse, negando di aver emesso false fatture. A Minotti, amministratore unico della Service & service dal 21 settembre 2016, Calicchia, nella stessa qualità dal 23 giugno 2014 al 21 marzo 2016 e Rea, quale amministratore di fatto, è contestato «al fine di evadere le imposte» l'aver occultato o distrutto tutta la documentazione contabile. A Ugo Casinelli, amministratore unico di Ortopedia Italia, è contestato l'uso di fatture per operazioni inesistenti dal 2012 al 2016. L'accusa gli contesta per il 2012 fatture di 917.338 euro, per il 2013 di 1.477.257 euro, per il 2014 di 1.622.341, per il 2015 di 1.167.452, per il 2016 di 913.323 euro.

A Ferri, legale rappresentante della Sms srl, è contestato l'aver emesso nei confronti di Ortopedia Italia fatture relative a operazioni inesistenti per 229.002 euro nel 2012 di 522.850 nel 2013, di 503.080 nel 2014, di 327.300 nel 2015 e di 55.250 nel 2016. A Rea, amministratore di fatto della Service & service è contestato l'aver emesso a Sms srl fatture relative a operazioni inesistenti per un importo di 421.385 euro nel 2013 e di 135.902 nel 2014. Allo stesso contestate fatture, per operazioni inesistenti come sostiene la procura nei confronti di Ortopedia Italia per 133.290 euro nel 2014.

Alessandro Casinelli, legale rappresentante della Service & service, è accusato di fatture per operazioni inesistenti alla Sms srl per 316.983 euro nel 2012 e aver emesso nei confronti di Ortopedia Italia fatture di 49.586 euro nel 2012 e 41.322 l'anno dopo per operazioni ritenute inesistenti. A Calicchia della Sicigm viene contestata l'emissione nei confronti della Sms di fatture per operazioni inesistenti per un importo di 226.428 euro nel 2012. A ottobre la decisione.