Sapevano dove trovarlo i carabinieri di Guarcino agli ordini del comandante Paris. E così si sono presentati presso la comunità di recupero "In Dialogo", con in mano un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla procura generale della repubblica presso la Corte di Appello di Roma. In manette è finito un 26enne romano.

Il ragazzo nella struttura era ai domiciliari per "furto in concorso, ricettazione, lesioni personali e detenzione illecita di sostanze stupefacenti", commessi a Roma negli anni 2007-2018. Per questi reati dovrà scontare una pena di 6 anni, 8 mesi e 25 giorni più 13mila euro di multa. Condotto a Frosinone.