Lunedì 8 luglio, a partire dalle 21, nell'ambito delle celebrazioni del settantacinquesimo anniversario del bombardamento, ci sarà un convegno nella chiesa di Santa Maria a Fiume, santuario eretto a parrocchia nel luglio del 1966.

La serata sarà dedicata a Bice Mancini Fedele, benefattrice del santuario, donna illustrissima e figura di riferimento del Novecento ceccanese. Mancini Fedele, infatti, è stata una delle prime donne laureate della sua generazione. Interprete e traduttrice, nell'arco della sua carriera, partecipò alla traduzione della prima stesura del romanzo "Piccole donne" di May Alcott.

Si parla di una donna di profonda fede cattolica che fu presidentessa dell'azione cattolica di Ceccano e di Giuliano di Roma. Inoltre, guidò con determinazione e fede, negli anni successivi al bombardamento, il comitato cittadino per la ricostruzione proprio del santuario di Santa Maria a Fiume.

Una donna di cultura e attivismo sociale che ha scritto pagine importante della storia ceccanese.
Durante la serata a lei dedicata ci saranno testimonianze di quanti la conobbero, l'esposizione di documenti originali e le letture di sue poesie, tratte dalla raccolta pubblicata "Canti a Maria".