Nel pomeriggio di ieri in Trivigliano, presso la comunità di recupero "In Dialogo", i militari della Stazione Carabinieri di Guarcino, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Roma, hanno tratto in arresto D.M., 26enne romano. Il giovane era già sottoposto presso la citata struttura al regime degli arresti domiciliari per i reati di "furto in concorso, ricettazione, lesioni personali e detenzione illecita di sostanze stupefacenti", commessi in modo continuato in Roma negli anni 2007-2018. Tali reati hanno determinato la citata ordinanza di cumulo pena complessiva di anni 6, mesi 8, giorni 25 di reclusione e di euro 13.000 di multa, con decorrenza della pena residua dal 19.09.2018 con scadenza al 13.03.2025. Lo stesso dopo le formalità di rito è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone.