Denunciata una coppia di cepranesi che rubava energia elettrica all'anziana vicina di casa. Ieri mattina i carabinieri di Ceprano, coordinati dal luogotenente Bruno Falena, hanno deferito in stato di libertà un cinquantatreenne e una quarantuenne luogo, coniugati, assegnatari di un alloggio popolare, con l'accusa di furto aggravato di energia elettrica in concorso.

I coniugi, lui con precedenti per reati contro la persona, il Patrimonio e la Pubblica amministrazione, avevano collegato abusivamente il loro contatore a quello dell'anziana vicina residente nell'alloggio adiacente rubandole corrente per alimentare il loro appartamento.

I carabinieri, congiuntamente con il personale tecnico del Comune, ieri mattina hanno verificato l'esistenza del ponte di collegamento elettrico tra i due contatori realizzato abusivamente dai coniugi, per sottrarre energia alla vicina di 86 anni. L'anziana donna chiaramente ignorava ciò che i due facessero a suo danno.

I due "furbetti" avevano trovato il modo di tagliare le spese relative ai consumi elettrici domestici a scapito dell'anziana vicina, avevano costruito di nascosto il ponte di collegamento fra i due contatori e scaricavano i loro consumi sull'alloggio adiacente. Il "giochino" però è stato scoperto e la coppia denunciata. I due dovranno rispondere di furto aggravato di energia elettrica in concorso, reato che per l'uomo si aggiunge ad altri di cui si era già reso responsabile