Cocci di bottiglie di vetro e altre tracce dell'inciviltà spuntano nei parchi cittadini e nei viottoli del Vascello a Ferentino.
E poi ecco di nuovo le lamentele dei cittadini alla ricerca di chi ruberebbe fiori e piante sulle tombe nel camposanto. Un atto ignobile quest'ultimo che innesca comprensibilmente le reazioni dei congiunti dei defunti. Ad ogni modo si ripete il fenomeno incivile vale a dire l'abbandonare a terra nelle piazzole, nei parcheggi e nei parchi frammenti di vetro di bottiglie rotte, fazzolettini e profilattici usati e perfino siringhe ovviamente utilizzate. Non soltanto è rischioso e dà fastidio tutto quanto, ma è anche preoccupante, soprattutto il ritrovamento di siringhe quasi certamente usate per iniettarsi droga. Le più recenti sono affiorate nel parcheggio del quartiere Roana, nella parte bassa della città gigliata.

Il degrado
Ieri mattina, invece, passeggiando lungo i vialetti al disotto della passeggiata del Vascello, in pieno centro storico a Ferentino, peraltro da pochi giorni ripuliti a fondo dal Comune che si avvale dei lavoratori del servizio civico e di altre squadre appartenenti a ditte private, facevano cattiva mostra qua e là, rappresentando un pericolo per i passanti e per i bambini, cocci di vetro o colli di bottiglie rotte talvolta camuffati tra le foglie. Non solo sotto il Vascello, ma anche in altri posti, come ad esempio nei giardinetti di Pareti, nel parcheggio Martellina e in altri luoghi della città, sempre nel centro storico, affiorano i segni delle notti brave e quindi pezzi di vetro lasciati a terra. Il fenomeno non si placa, non resta che appellarsi al buon senso dei cittadini, soprattutto quelli più giovani. Appello che corre anche sui social.