Nuovo blitz antidroga della polizia, con tanto di cani: un arresto. L'operazione, condotta dalla sezione volanti della questura, è scattata l'altra sera in via Marittima intorno alle 21.30. L'intervento si è concluso con l'arresto di L.P., 36 anni del capoluogo, per spaccio di sostanza stupefacenti e con il sequestro di venti grammi tra cocaina ed hashish. Le volanti, coordinate dal commissario capo Flavio Genovesi, grazie all'ormai consolidato rapporto con le unità cinofile di Nettuno, sono intervenute in un edificio di case popolari in via Marittima, ritenuta un'importante piazza di spaccio di Frosinone. Da tempo il sito era tenuto sott'occhio dagli uomini delle volanti che, lunedì sera, hanno deciso di effettuare diverse perquisizioni domiciliari proprio nel palazzo interessato.

Durante i controlli un soggetto ha tentato di scappare, guadagnando velocemente la via di fuga attraverso la scalinata principale. Ha cercato di passare inosservato, ma non c'è riuscito. Fuori ad aspettarlo c'erano poliziotti che lo hanno fermato e perquisito con l'ausilio del cane "Isco". Il controllo ha dato esito positivo: L. P. aveva con se oltre 12 grammi di cocaina suddivisa in dosi e pronta allo smercio, oltre ad un bilancino di precisione nascosto all'interno dei calzini. Successivamente gli agenti hanno continuato la perquisizione nella residenza dell'individuo, ai Cavoni. Dopo la perquisizione domiciliare sequestrate altre dosi di cocaina e di hashish.

L'uomo giustificava la sua presenza nell'edificio di via Marittima in quanto compagno di una residente del palazzo, anche quest'ultima finita nel mirino degli agenti e sottoposta a perquisizione. Durante le operazioni è stato segnalato al prefetto in qualità di assuntore un altro soggetto residente nello stesso palazzo di via Marittima perché trovato in possesso di stupefacente. L.P., difeso dall'avvocato Luigi Tozzi, è stato trattenuto nelle camere di sicurezza della questura in attesa dell'udienza di convalida di questa mattina.