Registro tumori e relativo regolamento comunale: il consigliere Marco Colucci, con una mozione, ne propone l'istituzione. Il registro, secondo Colucci, può costituire uno strumento fondamentale per il rilievo numerico e statistico delle patologie neoplastiche insistenti sul territorio del comune di Ceprano.

«Il comune di Ceprano - scrive il consigliere - è stato inserito nel Sin Valle del Sacco in quanto territorio altamente inquinato da aziende dismesse ed abbandonate. Oltre a d essere attraversato dal Sacco, uno dei fiumi più inquinati d'Italia. L'incidenza di mortalità sul territorio comunale legata a malattie tumorali - precisa sempre Colucci - è in progressivo aumento nel tempo, per cui chiedo che il consiglio comunale si pronunci sulla mozione».

Effettivamente il male del secolo non risparmia i cepranesi, tanti prematuramente sono scomparsi, costantemente si apprende di persone che si ammalano, oltre a coloro di cui non si sa e magari sono in cura, il problema è serio e sebbene non esista la correlazione diretta fra le malattie e l'inquinamento causato da fabbriche dismesse trasformate in cimiteri di veleni, comunque in alcuni casi indagini e scavi in ex siti produttivi sono stati avviati proprio dopo denunce conseguenti malattie e morti sospette.

Condivisibile l'iniziativa del consigliere Colucci che chiaramente vuole coinvolgere l'intera assise nell'importante decisione. Il registro tumori consente di gestire nel tempo un archivio contenente i casi di neoplasie, numeri che possono essere valutati in funzione della tipologia, dell'età, della zona del territorio in cui vengono rilevati consentendo di ricostruire un quadro della situazione locale che potrebbe essere indicativo per eventuali iniziative o attività utili a gestire l'incidenza della malattia.

Chiaramente l'iniziativa deve essere accompagnata da altre tese alla riduzione dei livelli di inquinamento ed alla promozione di stili di vita salutari. La sensibilizzazione della cittadinanza è comunque importante e l'istituzione del registro tumori è un tassello fondamentale in questo contesto. «La mozione da me presentata- dichiara Colucci- dovrebbe essere portata all'attenzione del primo consiglio comunale utile del mese di luglio e spero che venga approvata».