«Fermi tutti... l'ho ritrovato». È con questa frase e un selfie sui social che, nella tarda serata di sabato, la castellucciana Veronica Piras, residente a Parigi da diverso tempo, ha annunciato la novità: da circa un mese non si dava pace e ha smosso mari e monti per Rocky Scappaticci, l'amico trentaquattrenne di cui non si avevano notizie dal 26 aprile scorso, mentre si trovava per lavoro nella capitale francese.

Ha visto un brevissimo video in rete, ma quella manciata di secondi le sono bastati per riconoscere il viso del ragazzo con cui ha condiviso buona parte della propria vita e, fortunatamente, anche il posto in cui si trovava. Così è andata subito a cercarlo con suo marito: tempo una mezz'oretta e ci sono riusciti. Ancora incredula, ha diffuso il post: «Aveva perso il cellulare, ma voleva stare per i fatti suoi, così non si è preoccupato di dare notizie.

Non sapeva neppure che lo stessimo cercando - racconta Veronica - Disperatamente, ho fatto denuncia di sparizione, attaccato volantini, contattato tutti i campi di raccolta e gli ospedali dell'Île de France e tanto altro ancora: un mese interminabile. Poi, un video di tre secondi e tutto è cambiato». E, in effetti, per Rocky sono stati mobilitati Consolati, Polizia italiana e francese, la nota trasmissione tv "Chi l'ha visto?"; ma solo la caparbietà di una vera amica poteva compiere questo miracolo.

La notizia ha fatto subito il giro del web scatenando la felicità di tutti gli amici e i conoscenti del giovane. Rocky fortunatamente sta bene, presto tornerà a casa dove, ad attendere il suo arrivo, non c'è solo la famiglia ma l'intera comunità di Castelliri.

Anche il sindaco, Fabio Abballe, ha voluto esprimere la propria felicità per la notizia: «A nome di tutta l'amministrazione e dei cittadini ci uniamo alla gioia dei familiari e soprattutto della madre Ada, preziosa collaboratrice alle dipendenze del Comune, in attesa di poterlo riabbracciare presto qui in paese».