Aggredisce i militari e fugge a piedi. Quarantunenne rintracciato tra Corso Lazio e via Monti Lepini. Per lui si sono spalancate le porte del carcere per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Un normale controllo stradale da parte dei carabinieri di Frosinone si è trasformato ieri mattina in una caccia all'uomo.

Erano le 8.30 quando il giovane monticiano, classe 1978, è stato fermato a bordo di un Fiat Doblò dai militari impegnati in un controllo della circolazione stradale. Invece di collaborare, ha strattonato i carabinieri ed è fuggito via a piedi, abbandonando il veicolo in strada. Sperava forse di farla franca. È partita una caccia all'uomo che ha visto impegnati venti carabinieri del comando provinciale agli ordini del colonnello Fabio Cagnazzo.

Il quarantunenne è stato rintracciato tra i vicoli dei palazzi di Corso Lazio ma ancora una volta, armatosi di bastone, è riuscito a guadagnare la fuga dopo essersi di nuovo scagliato contro i carabinieri. Un'ora più tardi è stato circondato e definitivamente acciuffato in via Monti Lepini dal nucleo operativo e Radiomobile che lo ha arrestato in flagranza del reato di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Nel corso della perquisizione personale sono state rinvenute tre dosi di cocaina motivo per cui è stato segnalato alla Prefettura. L'uomo viaggiava senza patente (revocata) e con l'auto sprovvista di assicurazione.

Già noto alle forze dell'ordine per reati contro la persona e il patrimonio, a suo carico c'era anche un precedente foglio di via con divieto di ritorno a Frosinone. Tre militari rimasti feriti durante l'inseguimento sono stati accompagnati al pronto soccorso dell'ospedale Spaziani di Frosinone per essere medicati. L'arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato trasferito in carcere dove resta a disposizione dell'autorità giudiziaria competente