Se ne è andato Giancarlo Paglia, paese in lutto. Aveva solo 44 anni, la malattia se l'è portato via dopo un lungo calvario. I funerali si terranno oggi pomeriggio alle ore 15 in Collegiata.

Ce l'aveva messa tutta, si era battuto come un leone. Voleva vivere per la sua Chiara. Si è dovuto arrendere al male. Si è spento ieri mattina circondato dall'affetto dei familiari e degli amici Giancarlo Paglia. Era convinto di farcela, anche questa volta. Di tornare a casa per festeggiare il compleanno della piccola Chiara, che il 14 giugno compie tre anni, invece ha dovuto dirgli addio prima del tempo.

Lui, l'eterno Peter Pan. La musica era la sua più grande passione, insieme a quella voglia di vivere che lo rendeva unico. Sempre un passo avanti, amico leale e altruista. Attivo nella vita culturale e sociale di questa città che amava. La sua creatura più bella Musicalmonte. Se l'era cresciuta tra gioie e dolori, trasformandola in un'occasione di aggregazione e di valorizzazione del centro storico. Giancarlo ha dato tanto alla sua città che non sempre è stata capace di ricambiarlo con la stessa generosità, lui che era abituato a dare senza mai pretendere. L'abbraccio più forte era il suo. Un padre e un marito meraviglioso, Chiara e Angela la sua ragione di vita e ora avranno da lassù un angelo custode. Buon viaggio Giancarlo, per noi continua a suonare la tua musica preferita e sarà festa ancora una volta.