Armati di pistola e con mazze da baseball hanno fatto irruzione e lo hanno minacciato. Sono riusciti a farsi consegnare un cellulare e il portafoglio che custodiva 450 euro. Prima di andare via hanno preso anche diversi oggetti in oro. È quanto ha raccontato ai carabinieri un cinquantaseienne di origine romena che nella tarda serata di sabato ha vissuto momenti di terrore. Ed anche se si è trattato di una rapina lampo, la paura è stata tanta. Con lui, in un'altra stanza, c'era anche la nipotina. Fortunatamente dormiva e non si è accorta di nulla. È successo in una casa nelle vicinanze della zona Chiappitto. Indagini a tutto campo dei carabinieri per cercare elementi utili a individuare i banditi.

I fatti
Mancava poco alla mezzanotte. Tre persone sono entrate nell'abitazione della parte bassa di Alatri, armati di pistola, non si sa ancora se vera o giocattolo, e muniti di una mazza da baseball. Avevano il volto coperto e indossavano guanti neri. Una rapina lampo, probabilmente anche perché i malviventi temevano che da un momento all'altro potessero far ritorno gli altri occupanti dell'abitazione. Sotto la minaccia delle armi sono riusciti a farsi consegnare i soldi dal cinquantaseienne (circa 450 euro), oltre a un telefonino e a oggetti in oro. Con il bottino sono poi fuggiti, facendo perdere le loro tracce.

L'allarme
La vittima ha subito contattato i carabinieri della Compagnia di Alatri per raccontare quanto accaduto. Gli uomini guidati dal tenente Vittorio De Lisa, sono subito intervenuti sul posto. Hanno immediatamente avviato le indagini e diramato la nota di ricerca, setacciando anche le possibili vie di fuga. Indagini serrate per cercare di dare un nome e un volto ai rapinatori. Come detto in casa c'era anche una bambina, ma per fortuna dormiva e non si è resa conto di quello che stava accadendo e della presenza dei tre banditi.