Lo sport è per tutti. È quanto la maggioranza guidata dal sindaco Roberto De Donatis sosteneva durante la campagna elettorale del 2016. Forte appariva la volontà di fare chiarezza tra le tante associazioni sportive presenti in città per superare le annose problematiche e dare spazio a tutti. Ma dalle parole non si è ancora giunti ai fatti. Fu l'ex assessore Stefano Lucarelli, il più giovane amministratore della compagine di De Donatis, a presentare in consiglio comunale un documento che regolamentasse un settore così importante come quello dello sport.

Il giovane amministratore propose di approvare un atto che regolamentasse gli impianti sportivi comunali in città. Oggi la delega allo sport la detiene il consigliere Alessandro Mosticone che giovedì pomeriggio ha chiamato a raccolta le realtà associative sorane per fare il punto. «Ci siamo incontrarti nella sala consiliare alla presenza anche del sindaco e della struttura tecnica comunale - ha detto il consigliere delegato -. Lo sport ovviamente è per tutti e tutti devono avere uguali opportunità. Il lavoro di questa amministrazione è teso a creare un calendario che con una turnazione degli spazi favorisca tutte le discipline chesi praticano a Sora e devo dire che sono veramente tante. Noi siamo per instaurare un buon dialogo con la città, infatti per il prossimo mese fisseremo un nuovo incontro con le associazioni sportive per confrontarci».

Anche il sindaco Roberto De Donatis ha parlato di un futuro diverso per lo sport sorano. Almeno per quanto riguarda gli spazi comunali. «Lo sport per l'amministrazione pubblica è la chiave per garantire la socialità per poter sottrarre i ragazzi a esperienze negative, dando esempi positivi - sottolinea il primo cittadino - . L'incontro di giovedì è nato per acquisire tutta la calendarizzazione delle varie associazioni sportive che hanno al centro un interesse sociale e partire da questo punto per ottimizzare la disponibilità degli impianti pubblici. Abbiamo acquisto già i primi cronoprogrammi, acquisiremo anche gli altri.
Siamo partiti il 30 maggio perché la stagione, che inizia a settembre, incombe».