Una nota sul sito del Comune di Filettino, a firma del sindaco Gianni Taurisano, nella tarda mattinata di ieri, e successivamente un post sui social di Samuel Battaglini, vice presidente nazionale di Anci ed esponente di Fratelli d'Italia, sul possibile arrivo di 33 immigrati a Filettino, hanno innescato una serie di polemiche tanto da scatenare, soprattutto sulle pagine Facebook dedicate al paese più alto del Lazio, centinaia di commenti soprattutto di preoccupazione.

Preoccupazione che nel tardo pomeriggio si è affievolita dopo il secondo comunicato sempre a firma del sindaco. Questa volta avvertiva che «la prefettura sta esaminando la possibilità di destinare i richiedenti asilo in altre strutture e che al momento non è stata disposta alcuna movimentazione». A questo punto il malcontento si è esteso ad altri cittadini dei comuni vicini.
E così hanno appreso che con decorrenza da oggi si è reso necessario procedere alla stipula della convenzione per l'accoglienza dei richiedenti asilo, il cui numero complessivo è in costante diminuzione.

E nell'ambito della distribuzione territoriale dei richiedenti asilo, anche ai fini di leali rapporti e collaborazione, dalla Prefettura hanno ritenuto rendere partecipe le amministrazioni comunali dell'attivazione dei centri di accoglienza esistenti sul territorio e della relativa capienza. Strutture ad Anagni, Arce, Arpino, Veroli, Pontecorvo, Atina, Cassino, Frosinone, Isola del Liri, Sora, Vico nel Lazio e Strangolagalli. Possono ospitare piccole unità.

Primo comunicato
«Si è appreso che la Prefettura di Frosinone ha annunciato il trasferimento di 50 unità richiedenti asilo presso il Comune di Filettino a decorrere dal 1 giugno -si legge nella prima nota pubblicata ieri sul sito comunale e finita in un batter d'occhio sui social- L'accoglienza è oggetto di contratto sulla base di accordi privati tra il gestore Medihospes ed il proprietario dell'immobile Hotel FEI. Questa amministrazione si è immediatamente attivata con la locale Stazione carabinieri e la stessa Prefettura e sembra che il numero sia stato ridotto a 33. Il calcolo, viene riferito, è proporzionato al numero di residenti che conta il Comune di Filettino cioè 519 persone quando in effetti la realtà permanente è meno di 300 unità. Siamo prossimi all'avvio della stagione turistica estiva, unica fonte di una economia già seriamente e duramente provata del territorio, e la scelta operata dalla proprietà, probabilmente aggraverà la situazione come avvenuto in località limitrofe. È anche da tener conto che il crollo del mercato immobiliare subirà ulteriori irrimediabili conseguenze. Sarà nostra cura adoperarci affinché venga valutata ogni attività per la loro ospitalità e coinvolgimento nelle attività di interesse della comunità».

Secondo comunicato
«A seguito dei numerosi contatti intercorsi con le autorità istituzionali, in merito all'accoglienza straordinaria per i richiedenti asilo -scrive il sindaco Taurisano- desidero informare la cittadinanza che la Prefettura sta esaminando la possibilità di destinare i predetti presso altre strutture del territorio. Posso assicurare che ogni azione è stata intrapresa e che il Prefetto ha assicurato la massima disponibilità essendo la problematica in corso di definizione. Al momento si tratta solo di accordi intercorsi tra il proprietario della struttura e l'ente gestore, ma la Prefettura non ha disposto nessuna movimentazione».

La questione accoglienza profughi continua a tenere banco. Con un rimpallo tra le amministrazioni. E così tra incertezza e possibili arrivi, si rischia di ritrovarsi, come sempre, a bussare alla porta della Prefettura per chiedere di intervenire, nonostante la regolarità degli affidamenti a cooperative e privati che possono ospitare in strutture idonee gli immigrati, rispettando ovviamente tutte le normative. E il numero fissato a 50 in un comune come Filettino ha spaventato non poco amministratori e cittadini.