Nel corso della serata di ieri, una pattuglia della sottosezione polizia stradale di Frosinone, ha arrestato otto cittadini italiani resisi responsabili del reato di furto aggravato commesso all'interno dell'area di servizio "La Macchia Est", nel comune di Anagni. In particolare, gli agenti durante un approfondito giro di perlustrazione all'interno della stessa area di servizio, alla luce di precedenti ammanchi registrati in analoghe fasce orarie, hanno notato gli arrestati aggirarsi nei parcheggi con fare sospetto. Alla vista della pattuglia, gli otto hanno tentato di darsi alla fuga. Con prontezza e professionalità, però, gli agenti sono riusciti a bloccarli tutti.

Gli otto avevano occultato, nei propri indumenti e in alcune borse, il materiale sottratto all'interno dell'Autogrill. I fermati, tutti partenopei, annoveravano precedenti specifici, anche in riferimento ad altre aree di servizio della provincia per i quali erano stati già denunciati. 

Gli altri due arresti
Intorno alle due della scorsa notte, invece, gli agenti della sottosezione polizia stradale di cassino, hanno intercettato una Fiat Bravo di colore grigio all'altezza del km 654 carreggiata sud, nel comune di Ceprano. A bordo vi erano tre uomini. Il conducente dell'auto era alla guida in modo irregolare, creando disagio e pericolo alla circolazione stradale e, solo dopo vari tentativi degli agenti, che gli hanno più volte intimato l'alt, l'uomo si è fermato In quel frangente, però, i tre hanno tentato di darsi alla fuga. Uno di loro è riuscito a dileguarsi nelle campagne limitrofe, gli altri due, B.U di 31 anni e H.E. di 38, entrambi di nazionalità albanense senza fissa dimora e relativo permesso in Italia sono stati invece bloccati e controllati. I successivi accertamenti hanno permesso di scovare, all'interno del veicolo intestato ad un prestanome, 6.000 euro in banconote di piccolo taglio. I due sono stati tratti in arresto. Mentre si cerca ancora il terzo uomo.