Spaccio in città, accolte nei giorni scorsi le istanze dei legali di due dei tre arrestati nell'ambito di una vasta indagine antidroga nata a seguito di un decesso per overdose in città.

Il Riesame ha accolto le istanze delle difese (rappresentate dagli avvocati Eleonora Rea, Simona Petroccione e Rosino Di Brango) e si attende che si pronunci anche per il terzo indagato.

Così per Monica Asarsi (classe '84) e per Luca Forte del '79, indagato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in concorso con gli altri due, ma anche per l'ipotesi di omicidio colposo e lesioni come conseguenza di altro delitto, è stata accolta la richiesta di una misura meno afflittiva.
Nell'inchiesta condotta dalla procura di Cassino che ha affidato i delicati accertamenti agli uomini dell'Arma del capitano Tamara Nicolai, è finito pure Marco Fallone, classe '89, accusato di spaccio.

Differenti le posizioni e le contestazioni. Unica, però, la matrice dell'attività: il decesso registrato lo scorso 9 agosto a Pontecorvo per overdose.