Il pronto soccorso e la violenza al personale sanitario. Episodi che spesso si ripetono e che necessitano l'intervento delle forze dell'ordine. Così è avvenuto il 10 aprile con tanto di condanna, emessa ieri dal tribunale di Frosinone, di un paziente violento a un anno di pena. Stando a quanto ricostruito dalla procura, l'uomo era arrivato al pronto soccorso nella notte tra il 9 e il 10 aprile. Dopo aver atteso il suo turno è andato in escandescenze. Il personale sanitario dello Spaziani ha provato a calmarlo, ma non c'è stato verso. Così è stata chiamata la polizia.

Stando alle accuse che gli sono costate l'arresto prima e il processo poi, l'uomo avrebbe aggredito un'infermiera tanto che, all'arrivo degli agenti, lo avrebbero trovato con un ciocca di capelli di lei in mano. L'uomo poi avrebbe reagito nei confronti degli agenti che procedevano all'arresto. Ieri davanti al giudice monocratico del tribunale di Frosinone Aurora Gallo, S.A., 44 anni di Frosinone, difeso dall'avvocato Eliana Scognamiglio, è stato processato con il rito abbreviato.

Il pm ha chiesto una condanna a 14 mesi per i reati di lesioni, contestando la recidiva, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento dei computer del pronto soccorso. Alla fine la condanna a 12 mesi con la remissione in libertà e obbligo di firma.