Sono state installate in piazza Green e in piazza Restagno. Le due isole ecologiche "intelligenti", elettriche e attive con card. Avrebbero dovuto aiutare i cittadini a smaltire i rifiuti ma le cose non sembrano essere andate nella direzione giusta. Molti conferiscono sacchetti carichi di rifiuti misti, anche se in frazioni che dovrebbero essere differenziate. Inoltre, sembra essere costume diffuso, quello di inserire le buste anche quando è evidente che lo spazio a disposizione nel cassonetto non sia più sufficiente ad accogliere altra immondizia. Una evidenza sotto gli occhi di tutti.

Alcuni cittadini hanno sollevato la questione chiedendosi se ci siano dei controlli mirati e quali siano le disposizioni per lo svuotamento dei cassonetti. È facile trovare i varchi aperti con le buste incastrate. Essendoci un dispositivo elettrico, che automaticamente chiude i portelloni, quando trova un ostacolo non riesce a chiudersi e continua a fare avanti e dietro. Le isole ecologiche potrebbero danneggiarsi. E chiunque può continuare ad infilare rifiuti anche senza card, approfittando dell'apertura. Ma quello che evidenziano ancora i cittadini, oltre a chiedersi quando ci sia la raccolta, è l'inciviltà di alcune persone che, nonostante tutto, inseriscono buste noncuranti degli eventuali danni. «Qualcuno dovrebbe controllare e sanzionare questi furbetti -polemizza Tonino, residente nel quartiere- Chiedono tutti che ci siano le isole ecologiche e poi questo è il modo che hanno di utilizzarle. Sicuramente quelle che sono state installate non sono sufficienti a una cittadina grande come la nostra. Ognuno ha le sue colpe, ma quando si inizierà a seguire le regole e rispettare i beni della collettività, sarà sempre troppo tardi».

Isole ecologiche intelligenti, questo è il loro nome, peccato che ad abusarne siano persone non così intelligenti e sicuramente trasgressori delle regole.