Abbandonato in una borsa, nei pressi del cimitero di Rosolina Mare: è così che è stato trovato un neonato. Ad accorgersi del piccolo sono stati alcune persone che stavano recandosi al camposanto e hanno sentito un pianto continuo provenire da una borsa lasciata a margine di un parcheggio. Sul posto è giunto il Suem 118.

Il bimbo, che aveva ancora il cordone ombelicale e la placenta, una volta soccorso e trasferito in ospedale, è stato chiamato Giorgio dal nome dell'infermiera del Pronto Intervento che, per prima, l'ha preso tra le braccia e poi lo ha adagiato nella culla termica dell'ospedale di Rovigo. Il neonato ora sta molto meglio grazie alle cure del reparto di pediatria dove è ricoverato.