Un "bacio" secolare per riscoprire le origini e i riti di due paesi. Ieri sul monte Asprano si è rinnovato l'antico culto de "L'Inchinata" o, più popolarmente, "Il Giorno del Bacio" delle due Madonne delle comunità di Castrocielo e Colle San Magno. All'alba del lunedì in Albis, i due cortei in processione con in spalla le rispettive statue della Madonna sono partiti dai propri paesi, per incontrarsi al cospetto della chiesetta di Santa Maria Assunta in Cielo.

In centinaia si sono incamminati per assistere al suggestivo bacio e rivivere i solenni festeggiamenti in onore di Maria Santissima. La tradizione vuole che il corteo di Castrocielo arrivi prima di Colle San Magno per non perdere il diritto di precedenza. Al termine della messa c'è stata la tradizionale "inchinata".

Al cospetto l'una dell'altra le statue delle Madonne sono state inchinare, fino a baciarsi, rinnovando così l'armonia tra le due comunità. Una festa che unisce storia, religione e identità. Presenti oltre i fedeli anche i rappresentanti dei Comuni e le Pro loco dei due paesi e le rappresentanze delle vicine Roccasecca e Aquino.