Prima il Todis e poi il Conad. Una coppia di albanesi, sorpresa a rubare all'interno di due supermercati del capoluogo è stata arrestata dalla polizia. Gli uomini delle volanti sono intervenuti dopo la segnalazione ricevuta e, dopo un po', sono risaliti ai due che sono stati bloccati. Ieri gli albanesi sono comparsi per l'udienza di convalida, assistiti dall'avvocato Luigi Tozzi. Il nuovo giudice Aurora Gallo ha convalidato l'arresto e ha scarcerato la coppia, ma ha imposto l'obbligo di firma tutti i giorni.

A chiamare la sala operativa è un dipendente dell'attività, il quale segnala la presenza di un uomo e una donna, lui di 37 anni, lei poco più che maggiorenne, intenti a trafugare negli scaffali e nascondere prodotti all'interno dei vestiti e delle borse. All'uscita del supermercato gli agenti li hanno bloccati con diversi prodotti alimentari addosso. Da un controllo sull'autovettura, sono stati trovati dei prodotti dell'altro esercizio. Gli uomini del commissario capo Flavio Genovesi, insospettiti dalla presenza degli altri generi alimentari, decidono di effettuare ulteriori accertamenti anche nell'altra attività dove constatano l'avvenuta consumazione di altri furti contestati alla stessa coppia. All'esito dei controlli i due vengono arrestati e posti ai domiciliari. Ieri la scarcerazione e l'obbligo di firma