È tema ricorrente ed improntato alla forte preoccupazione, quello che in questi giorni attraversa in maniera trasversale tutti gli strati economici della città, legato alle drammatiche previsioni delle presenze turistiche per una stagione termale che già si annuncia peggiore delle precedenti.

Previsioni purtroppo che confermano la tendenza anche per l'imminente ponte di Pasqua e Pasquetta, dove le prenotazioni alberghiere non lasciano sperare nulla di buono. Un "sentiment" assai diffuso in città che il gruppo di minoranza della "Fiuggi Viva" sintetizza. «Si continua a navigare a vista e si continua a ad evidenziare giorno dopo giorno la mancanza di una visione turistica complessiva della città.

Siamo praticamente a stagione avviata e non si hanno notizie di una ben che minima programmazione turistica. Niente programma per le festività pasquali ed i ponti del 25 aprile e 1à maggio. Alcuni comuni del territorio – prosegue Martina Innocenzi capogruppo di minoranza – che in genere non si definiscono a vocazione turistica, hanno già reso pubblico il loro calendario degli eventi. Fiuggi invece, città turistica per eccellenza non sa nemmeno dove sta andando».

Nuovo affondo. «La gestione Atf - prosegue - è diventata ormai un affare privato del sindaco. L'amministrazione chiusa a riccio rifiuta qualsiasi confronto. Le categorie economiche sono abbandonate al loro destino, nonostante abbiamo chiesto di avviare con loro una discussione nelle commissioni consigliari. La città è sporca e priva di qualsiasi manutenzione, a partire dalle strade». «Gli slogan - chiude –possono avere effetti nell'immediato ma per cambiare la città servono progetti, quelli tanto sventolati in campagna elettorale e finiti nel dimenticatoio un minuto dopo».