Un blitz in piena regola. L'intera area dello Scalo è stata setacciata dagli agenti della questura di Frosinone. Ben dodici pattuglie e quaranta agenti, nella tarda serata di ieri, hanno controllato l'area che va da piazza Pertini a piazzale Kambo. L'area della stazione resta sempre un sorvegliato speciale da parte delle forze dell'ordine, decise a stroncare il fenomeno dello spaccio di droga in piazza come in alcuni condomini della zona, ma anche per tenere a freno la presenza dei tanti immigrati che si concentrano tra l'area della stazione e piazza Pertini e allontanare così quanti non sono in regola con il permesso di soggiorno o commettono reati.

Ieri, pertanto, è stato messo in pratica un dispositivo speciale finalizzato a ricercare la presenza di droga (diverse volte è stata trovata anche tra le siepi dei giardinetti della stazione) e di immigrati irregolari. A tal fine i controlli sono stati effettuati anche con l'intervento delle unità cinofile, giunte appositamente. Il grosso dell'attività degli agenti delle volanti, coordinati dal commissario capo Flavio genovesi, si è concentrato sull'identificazione degli stranieri che stazionano per diverso tempo della giornata nella zona della stazione.

Gli agenti hanno voluto verificare se tutti avevano titolo a stare a Frosinone e se, tra essi, c'erano anche persone che, in precedenza, erano stati colpiti da decreto di espulsione. Molto spesso, in passato, anche richiedenti asilo sono stati sorpresi dalle forze dell'ordine in possesso di sostanze stupefacenti. E anche per questo i controlli si moltiplicano anche per venire incontro alle continue richieste dei residenti della zona come pure dei pendolari (soprattutto donne) che di sera sono costretti ad attraversare l'area dei giardinetti, non sentendosi sicuri. E la presenza continua delle forze dell'ordine serve anche a garantire maggiore sicurezza alla cittadinanza.