Reati di stalking in aumento. Non poche le denunce anche per quel che riguarda i maltrattamenti in famiglia, la violenza sessuale e le minacce. In testa alla classifica per densità di reati ci sono Frosinone, Cassino, Sora, Ceccano e Ferentino. Questo è quanto emerso dal report sui reati-spia del femminicidio in provincia di Frosinone illustrati ieri nell'aula magna del Campus Folcara dell'Università di Cassino.

A promuovere il report è stato il centro di ascolto "Sos donna" e l'Aipes ma la parte scientifica è stata appunto curata dall'Unicas e in modo particolare dal laboratorio di ricerca sociale del professore Maurizio Esposito del dipartimento di Scienze Umane Sociali e della Salute che il collaborazione con la Polizia di Stato e con il patrocinio dell'Arma dei Carabinieri ha provveduto a fare un inquadramento giuridico-sociologico e una mappatura delle denunce.

«Quello che emerge - spiega il professore Esposito - è che molte denunce non rispettano la grandezza dei comuni in cui avvengono, che c'è un aumento per quanto riguarda i casi di maltrattamenti e di violenze nell'ultimo anno: il quale aumento può non essere dovuto per forza a un reale aumento in percentuale dei reati, ma a un migliore lavoro delle Forze dell'Ordine e dei centri anti violenza del territorio.

Noi abbiamo preso in considerazione i dati ufficiali della prefettura su minacce, atti persecutori, maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale, cercando di capire quanto questi reati siano predittivi di un eventuale femminicidio. Dal report notiamo che lo stalking aumenta di anno in anno, mentre gli altri tre reati tendono a calare per poi risalire nel 2017».

I numeri nel dettaglio
Vediamo allora questi quattro "reati spia" nel dettaglio in provincia di Frosinone: 940 denunce nel 2013, 902 nel 2014, 857 nel 2015, 790 nel 2016 e poi risale a 817 nel 2017. Nel 2013 il numero maggiore si riscontra a Cassino con 92 denunce, poi rispettivamente 90 e 58 a Frosinone ed Anagni. Lo stalking, come ha spiegato il professore Esposito, è in costante crescita: 108 denunce nel 2013, poi a seguire: 116, 120, 140 e infine 149 nel 2017.

Gli atti denunciati nel quinquennio sono maggiormente diffusi a Cassino (110), dovuto al fatto che nella città martire ormai da qualche anno è attivo lo sportello anti violenza. Anche per quel che riguarda la violenza sessuale sono tante le denunce a Cassino, ma il maggior numero si registra nel Capoluogo. Questi i numeri delle denunce in provincia di Frosinone: 23 nel 2013, 17 nel 2014, 17 nel 2015, 13 nel 2016 e 31 nel 2017. Per quanto riguarda invece i maltrattamenti in famiglia, abbiamo questi numeri in Ciociaria: 121 denunce nel 2013, 129 nel 2014, 108 nel 2015, 110 nel 2016 e 138 nel 2017.