Tragedia sfiorata ieri mattina a Coreno Ausonio. Un uomo è caduto dal tetto della sua abitazione: un volo di sette metri prima di precipitare rovinosamente sul cortile di casa. Diversi e gravi i traumi riportati.

La ricostruzione
L'incidente è avvenuto nella mattinata, intorno alle dieci, tra via IV Novembre e la località Croce. Il sessantunenne, pensionato, era salito sul tetto perché era impegnato nella sistemazione delle infiltrazioni provenienti dal comignolo.
Aveva intenzione di sistemare, a seguito del vento forte e del maltempo che ha caratterizzato la passata stagione, anche in vista della primavera e della prossima estate, le tegole del tetto della casa in cui vive con la sua famiglia, e in particolare riparare l'infiltrazione che riguardava il comignolo del camino Per questo, come accertato dai militari, era salito sul tetto.
Era impegnato nei lavori, quando qualcosa deve essere andato storto: forse ha perso l'equilibrio, o forse è inciampato, ipotesi che solo lui potrà chiarire.

L'incidente domestico si è consumato in pochi minuti. Neppure il tempo di realizzare che si stavano già allertando i soccorsi: un brutto volo di circa sette metri. Le sue condizioni sono apparse subito gravi e si è temuto il peggio. Subito dopo la caduta, è stato soccorso dai familiari, richiamati dalle urla di dolore e dal terribile tonfo, quindi sono immediatamente giunti sul posto i sanitari del 118, due ambulanze e un'eliambulanza nonché i carabinieri della Stazione di Ausonia al comando del maresciallo Patrizio, della Compagnia di Pontecorvo, guidata dal capitano Tamara Nicolai.

Dopo le prime cure, è stato disposto il trasferimento in elicottero all'ospedale "Umberto I" di Roma. Politraumatizzato, per l'uomo si temono gravi fatture multiple. Le prossime ore saranno decisive per comprendere l'entità dei danni derivati dalla caduta. Intanto tutto il paese si è detto vicino alla famiglia e spera di ricevere al più presto buone notizie.