Sono stati denunciati dopo l'ispezione dei carabinieri e dei tecnici Acea. E sono finiti nei guai. A dover rispondere di furto aggravato sono stati un uomo e una donna di 43 anni, residenti a Cervaro, incensurati, gestori di un esercizio commerciale. I carabinieri della locale Stazione, della Compagnia di Cassino, hanno effettuato un'ispezione insieme al personale responsabile dell'area sud dell'azienda idrica Acea Ato 5.

Durante i controlli, militari e tecnici incaricati hanno accertato che i gestori dell'attività avrebbero commesso il furto di acqua potabile «poiché il misuratore dell'attività commerciale da loro gestita era stato installato in assenza di autorizzazione».
Per questo hanno provveduto a denunciare entrambi per l'ipotesi di furto aggravato.