Prosegue l'attività dell'Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate e del suo presidente Emiliano Ciotti che, con la promozione del suo libro dedicato a una delle pagine più tristi e meno conosciute della Seconda Guerra Mondiale in Italia, sta conducendo una campagna informativa storica non indifferente oltre a una battaglia legale in cui ha chiamato in causa la Francia, di cui i "Goumiers" - le truppe coloniali autrici delle violenze catalogate come marocchinate -, costituivano una parte integrante dell'esercito.

Ciotti ha fatto visita a Maenza, primo Comune in Italia nel 2011 ad adottare una mozione dedicata alle vittime delle marocchinate. Ciotti ha incontrato l'attuale sindaco Claudio Sperduti strappando l'impegno ad attuare la mozione approvata dalla precedente amministrazione per trovare un parco, una via o una struttura da intitolare alle donne violentate.