Atti vandalici nell'area verde pubblica dell'anfiteatro della torre sul Liri, a Ceprano. Ignoti hanno divelto una parte delle componenti in legno che formano la recinzione che delimita l'area bruciandone addirittura alcune. I resti del piccolo falo ancora sono visibili in prossimità dell'anfiteatro, come pure uno dei pali che formava lo steccato è a terra su uno dei vialetti che segnano il passaggio pedonale.

"Ragazzate" sicuramente o comunque gesti incivili e insensati compiuti forse con spirito d'insano divertimento, magari da chi ha scarsa lucidità. L'area però è controllata da una telecamera a circuito chiuso le cui riprese potranno essere visionate, per cui non è escluso che non si possa risalire all'identità degli artefici degli incivili gesti. Già in passato l'area, spesso al buio e comunque isolata e poco frequentata, è stata colpita da vandali che hanno rotto gli arredi e imbrattato i gradoni dell'anfiteatro con vernice.

Fatti questi che preoccupano in quanto rivelano la forte mancanza di senso civico, oltre all'incapacità di distinguere ciò che è lecito da ciò che non lo è. I beni pubblici spesso sembrano non appartenere a tutti e così restano in balia di chi si sente di diritto di danneggiarli con l'inconsapevolezza che sta che sta arrecando danno a se stesso.