Non c'è pace per i defunti e per i loro familiari: il cimitero, almeno nella parte più antica, continuerà a restare chiuso fino al 15 marzo. Lo fa sapere l'amministrazione comunale tramite un'apposita ordinanza firmata del responsabile dei Servizi al territorio, Vincenzo Porretta.

Dopo aver subìto ingenti danni, dovuti al forte vento dello scorso fine settimana, e, al di là di ogni pronostico, la chiusura temporanea al pubblico è stata prolungata di ulteriori 15 giorni: tempo necessario a permettere lo svolgimento dei lavori di ripristino.

Stando alle ricognizioni dei tecnici comunali, infatti, la rimozione dei cipressi spezzati, che si sono abbattuti a terra e in qualche caso anche su cappelle gentilizie e tombe, richiederà più tempo di quello che si era previsto; sempre che in seconda analisi non si ravvisi l'esistenza di pericoli latenti, attualmente non visibili, che possano pregiudicare l'incolumità del pubblico.