Resta alta l'attenzione dei carabinieri della compagnia di Colleferro per controllare il territorio e prevenire reati, soprattutto nelle ore notturne. In particolare, per l'identificazione di soggetti sospettati, la circolazione stradale, la prevenzione e, se necessario, la repressione dei furti e dello spaccio di droga.

Proprio durante una di queste operazioni di verifica del territorio i carabinieri della stazione di Gavignano hanno arrestato un trentunenne originario di Gorga, già conosciuto alle forze dell'ordine, con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

I militari dell'Arma hanno fermato l'uomo nella zona industriale di Colleferro mentre girovagava a bordo della sua auto in evidente stato di alterazione psicofisica dovuta a qualche bicchiere di troppo. Alla vista dei carabinieri, il giovane è fuggito dando vita così a un pericoloso inseguimento lungo le vie cittadine che si è concluso a Segni grazie anche all'intervento in supporto dei militari del nucleo operativo e radiomobile.

L'uomo si è rifiutato di sottoporsi sia agli accertamenti per verificare l'assunzione di alcolici sia a quelli per gli stupefacenti. La patente di guida gli è stata immediatamente ritirata e l'auto sequestrata. Il trentunenne è finito così agli arresti domiciliari. Nel processo per direttissima al tribunale di Velletri ha patteggiato una pena di sette mesi di reclusione.

È di qualche notte fa, invece, l'arresto di un trentenne nordafricano. I carabinieri della compagnia di Colleferro lo hanno intercettato in centro: su di lui pendeva un ordine di carcerazione per reati di droga commessi a Reggio Calabria. Ora è in carcere a Velletri.